venerdì 13 settembre 2013

LILLINA

Lillina viveva in un castello di cartapesta per lo più inaccessibile ai comuni mortali. Pensava di essere una principessa in quel castello, così le avevano detto, ma in  realtà era una bambina prigioniera di quel castello.Trascorreva sue giornate giocando a fare la mamma alle sue bambole, non  conosceva altri giochi, perché non frequentava altri bimbi, non guardava la televisione perché nel castello non c'erano televisori. Si era costruita un mondo fantastico con personaggi suoi amici che le facevano compagnia. Lillina, lasciava l'impronta del  nasino, sul vetro della finestra della sua camera, perché le piaceva osservare il mondo là fuori. Il primo giorno di scuola per Lillina fu un vero shock, per la prima volta nella sua vita, si trovò a doversi confrontare con degli altri bambini, e degli adulti che non fossero i suoi genitori o i suoi nonni. Lillina era timidissima, ed impaurita per doversi relazionare per un'intera mattina con tutte quelle persone. Le sue mani erano  gelide e il suo stomaco era talmente chiuso che non lasciava passare, nemmeno una briciola dei cracker, che la mamma, le aveva messo in cartella. Lillina, non faceva domande, ma osservava il mondo che le era sconosciuto, guardava i  suoi compagni, tutti avevano delle belle cartelle e dei begli astucci, anche le sue cose le erano sembrate tanto  belle quando le aveva sfasciate il giorno del suo compleanno, ma ora vedendo quelle degli altri, le piacevano un po'meno. Gli altri avevano più cose di lei, gli astucci avevano tanti scomparti...., e poi i libri e e i quaderni dei suoi compagni avevano le copertine di
 plastica colorata e l'etichetta con il nome , i suoi libri e quaderni erano rifasciati con la carta da pacchi recuperata e messa da parte. Lillina sotto il grembiule nero per tutto l'inverno avrebbe indossato le due  gonnelline, i due maglioncini e le due camicette che le aveva cucito la mamma. Aveva poi un paio di scarpe di camoscio con le stringhe (a lei parevano da maschio, ma la mamma aveva scelto quelle) e le galosce per la pioggia, l'ombrello no, non lo aveva, lo ricevette  in dono per  Natale qualche anno dopo.Vedeva le altre bimbe indossare abiti decisamente più carini ed adatti all'età, ma Lillina non era invidiosa, si limitava ad osservare, guardava , non parlava mai, restava sempre con le braccia conserte  come ordinava la maestra quando batteva la bacchetta sulla cattedra. Le sarebbe piaciuto molto, mescolarsi agli altri bambini, giocare , urlare, rincorrersi, ma  aveva paura di non essere capace, le sembrava di essere diversa da loro, loro sapevano giocare divertirsi e fare arrabbiare la maestra, ma di tutto questo lei era convinta di non essere capace. Lillina sarebbe rimasta tutta la vita con il naso appiccicato alla finestra a guardare il mondo....

8 commenti:

  1. Una favola?Molto intrigante...spero prestissimo il seguito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adry, davvero ti piace il mio racconto? È un po' triste e forse più adatto ai nostri tempi, comunque l'ho scritto, pensando ai bimbi che iniziano la scuola, spero che non ci sia nessun bimbo come Lillina tra loro. Non so se mi verrà in mente un seguito, se ci sarà lo scriverò. Buona giornata bruni

      Elimina
  2. ci vuole il coraggio di essere per riuscire a vivere...ma non sempre possiamo farcela da soli, a volte si ha bisogno che qualcuno ci aiuti a trovarlo, scoprirlo in noi...ci doni un po' di sicurezza e di amore...

    serena notte e buon fine settimana
    lella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lella, se Lillina fosse vissuta ai giorni nostri, sicuramente sarebbe stata seguita da uno psicologo.Per fortuna oggi la scuola si accorge dei problemi che manifestano i bimbi.Buon fine settimana anche a te e grazie per la visita, Brunella

      Elimina
  3. Conosco molte Lillina, o meglio, conosco quello stato d'animo...
    Scrivi benissimo sai? Le emozioni di Lillina arrivano dritte allo stomaco..
    Finiscilo ti prego!
    Un bacio:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie keiko, sei un tesoro! Buona serata Brunella

      Elimina
  4. Quanto è vicina alla realtà la nostra Lillina e come mi sento vicina a lei quando guarda il mondo dalla finestra...!
    Ciao adorabile creatura!

    RispondiElimina
  5. Cara Nella, come vorrei che non fosse così! Anche tu sei un'adorabile creatura, baci Brunella

    RispondiElimina

SIETE STATI MOLTO CARINI, AD ARRIVARE FIN QUA, SE LASCIATE ANCHE UN COMMENTO, MI FATE MOLTO MOLTO FELICE!
BACI BRUNI